loading...
Lingua Language
       
Progetti Case histories

Studio Logo Distretto Biomediale Veneto

Azienda: Distretto Biomedicale Veneto

SID Pills

6 ott 2014 Enrico Cesaro, un designer al servizio del cinema

Enrico Cesaro, un designer al servizio del cinema

I miei primi motivatori? I docenti SID: vi dico cosa mi hanno insegnato

PADOVA.  Di tanto in tanto abbiamo il piacere di rincontrare diplomati SID di qualche anno fa. Negli ultimi giorni l’opportunità è capitata con Enrico Cesaro, che è da poco online con il suo nuovo sito. Il sito online non è che uno dei risultati del suo intenso percorso professionale, e noi di SID Pills ce lo siamo fatti raccontare.



Enrico Cesaro: dopo il diploma nel 2004 quali furono i tuoi primi passi nel mondo del lavoro?
I primi passi furono all’interno della realtà imprenditoriale di mio padre, cosa non semplice visto lo scontro generazionale e culturale che si venne a creare, ma quella fu solo una fase di assestamento e consolidamento delle mie basi.

Ci furono novità grazie al tuo arrivo in azienda?
Arrivavo da Scuola Italiana Design e di conseguenza portai nuove idee e spunti: la scelta di nuove finiture, soluzioni di marketing mirate per ogni singolo cliente, una nuova strategia di comunicazione aziendale che studiai insieme a un nuovo team manager... fu così che arrivarono molte soddisfazioni dal mercato sia interno che estero!

Però... non sei rimasto lì a lungo.
Esatto: la mia vocazione non era quella di rimanere confinato in un’unica realtà imprenditoriale e creativa; così, approfittando di un riassesto societario, ben presto mi ritrovai coinvolto in altri progetti con nuove realtà aziendali e nuovi professionisti.

Da allora ad oggi, cos’è cambiato?
Anche se non è stato facile, oggi sono diventato imprenditore di me stesso, con tutti i pro e contro: il passaggio per certi versi è stato doloroso, ma ha portato e sta portando tante soddisfazioni, energia positiva, persone e professionisti interessanti nella mia vita e nel mio lavoro.

La notizia è che sei da poco online con il tuo nuovo sito. Per comunicare cosa?
Con il nuovo sito voglio comunicare la mia filosofia lavorativa e di vita: per me ogni lavoro è una creatura da far crescere sana e forte, dandole il giusto nutrimento emotivo, tecnico ed estetico. Si tratta di un percorso da fare insieme al cliente, ascoltando le sue reali necessità, e arrivando insieme al raggiungimento dell’obiettivo attraverso il dialogo e il confronto reciproco.

Ripercorriamo i tuoi primi 10 anni di attività: quali i maggiori successi?
I maggiori successi lavorativi a livello nazionale e internazionale sono concentrati soprattutto negli ultimi 3 anni, e in particolare intorno alla figura del regista Antonello Belluco e degli scenografi Virginia Vianello e Paolo Bandiera.

Scusa, cosa lega un designer alla cinematografia?
Con il regista Antonello Belluco ho avuto l’opportunità di impostare tutta l’immagine coordinata della casa di produzione Eriadorfilm e del film ’Il Segreto di Italia’ che uscirà il 20 novembre di quest’anno in tutte le sale italiane. Ho quindi realizzato il logo, il sito web, il movie poster del film, le grafiche dell’epoca (1945) per la scenografia di Virginia Vianello, il book di presentazione del film e la fotografia di scena.

Con Virginia Vianello e Paolo Bandiera ho avuto l’onore di collaborare anche nel film ’Il Leone di Vetro’ che uscirà questo mese e per il quale ho realizzato e ricostruito tutte le grafiche del 1866.

E se dovessi scegliere un progetto più significativo degli altri?
Direi che il mio progetto più rappresentativo è quello che deve ancora venire.
Per me ogni progetto è importante, ma se devo citarne uno recente di caratura nazionale e che mi ha dato grande soddisfazione, è quello per cui ho collaborato con la bravissima e famosa scenografa/Interior Designer Virginia Vianello.

Il progetto per il bando di concorso indetto da FS Ferrovie dello Stato è arrivato primo su 46 candidati per quanto riguarda l’aspetto creativo, si tratta della presentazione del nuovo Freccia Rossa 1000 che avverrà prossimamente alla stazione di Napoli.

Su idea di Virginia e suggerimenti miei a livello tecnico e d’immagine abbiamo sviluppato graficamente e tecnicamente le tavole dell’intero evento, spiegando come si sarebbe svolta la cerimonia d’inaugurazione dall’inizio alla fine.
     
Parliamo infine del tuo stile: quanta “SID” c’è, al suo interno?
Il mio stile è legato ai miei valori, che si possono riassumere proprio nei principi di Scuola Italiana Design: creatività, italianità, professionalità & competenza, ricerca & sperimentazione, vocazione aziendale, internazionalizzazione, energia & passione.
Questi sono i valori che cerco di esprimere in ogni lavoro che realizzo.

Cosa ricordi con più piacere di SID?
Ti dirò che non è facile trovare docenti che abbiano, oltre alla professionalità e alla competenza, anche la vocazione di essere dei motivatori: devo ringraziarli perché hanno tirato fuori il meglio di me, e mi hanno insegnato a guardare qualsiasi cosa con occhi nuovi e curiosi.
Naturalmente non è stato facile, ma ho sempre creduto nel lavoro e nella forza di volontà per il raggiungimento di un obiettivo, e anche questo atteggiamento mi è stato trasmesso da loro.
E ancora, mi hanno insegnato l’importanza della continua evoluzione, del diventare insegnanti ed educatori di se stessi, così da studiare e imparare nuove tecniche e nuovi programmi per comunicare al meglio il proprio lavoro e la propria persona.

È un bel messaggio sia per i più giovani sia per chi è già da anni all’interno del mondo del lavoro...
Il processo è sempre in atto, non si finisce mai di evolvere e di imparare: se non sai qualcosa fare oggi non vuol dire che non la saprai fare domani. È una questione di tempo, dedizione e d’impegno verso l’obiettivo.

Grazie Enrico per la chiacchierata!
E io ringrazio infinitamente Scuola Italiana Design e i loro docenti per l’insegnamento professionale e umano che mi hanno dato e per aver avuto l’onore e il piacere di rispondere a questa intervista.



Vai alla notizia | Link to this news

30 set 2014 London Design Festival 2014: le nostre 15 scelte

London Design Festival 2014: le nostre 15 scelte

A Londra le tendenze del design attraverso installazioni e prodotti

LONDON, UK.  Settembre, un mese ricco di settimane dedicate al design in alcune delle più importanti città europee. Abbiamo fatto per ognuna di esse la nostra selezione fotografica.


  • Helsinki Design Week (4-14 settembre)
  • Paris Design Week (6-13 settembre)
  • London Design Week (13-21 settembre)
  • Bratislava Design Week (22-28 settembre)
  • Brussels Design September (1-30 settembre)
  • Vienna Design Week (26 settembre - 5 ottobre)

London Design Festival, il punto di riferimento inglese per il design. Diverse le location e diversi i temi: noi di SID Pills abbiamo cercato di individuare alcune linee guida nella molteplicità delle proposte.

Indice delle immagini

Installazioni:
  • Foto 2: Wikihouse 4.0, il più avanzato prototipo di edificio open source: low cost, alte prestazioni, montabile come uno scaffale
  • Foto 3: From Then On, installazioni di orologi per i 10 anni di Established&Sons (design: Formafantasma)
  • Foto 4: Spectra di Field e Accept&Proceed, scultura cinetica di un impatto di meteoriti sulla Luna
  • Foto 5: Moleskine “hackerate” da designer famosi
  • Foto 6: Crest, installazione di Zaha Hadid per il V&A Museum di Londra
  • Foto 7: Double Space di BarberOsgerby per BMW al V&A Museum
Dalla mostra The Wishlist (giovani designer progettano su “commissione” di famosi designer):
  • Foto 8: l’Arch. Norman Foster ha “voluto” un temperamatite in 3 dimensioni (design: Norie Matsumoto)
  • Foto 9: Terence Conran ha “voluto” uno studio segreto (design: Sebastian Cox)
Nuovi brand:
  • Foto 10: Stool 7 di StandSeven, in materiale riciclato e il cui singolo costo paga un anno di scuola per un bambino in Sierra Leone
  • Foto 11: Articoli per la casa di Native & Co., provenienti da Giappone e Taiwan
  • Foto 12: Stacking Vessels di Utopia & Utility, mini vasi
Prodotti:
  • Foto 13: Prima collection di Favaretto & Partners per Luxy
  • Foto 14: HB Lamp di Michael & George
  • Foto 15: Collection III di Nika Zupanc per Sé, già presente allo Spazio Rossana Orlandi
  • Foto 16: Edge Collection di Paul Crofts per Isomi per l’arredo ufficio
Fonte: Pinterest



Vai alla notizia | Link to this news

17 set 2014 JVLT, Castiglioni e Novembre al Vintage Festival 2014

JVLT, Castiglioni e Novembre al Vintage Festival 2014

I designer a Padova per parlare di passato, presente e futuro del design

PADOVA.  Il festival vintage di Padova è un appuntamento oramai consolidato tra gli eventi cittadini più alla moda. Per tre giorni il centro storico di Padova accoglie cultori, appassionati e semplici curiosi del fenomeno vintage.



JoeVelluto, Castiglioni, Novembre

Il centro culturale San Gaetano e via Altinate sono il cuore pulsante del festival, che propone numerose esperienze vintage: mercatino, mostre, concorsi, eventi, workshop e talk show. Domenica 14 settembre al Padova Vintage Festival si è parlato soprattutto di design: al talk show che ha visto protagonisti i designer Andrea Maragno e Sonia Tasca di JVLT JoeVelluto Studio con Giovanna Castiglioni, figlia del celeberrimo Achille, è seguito un dialogo tra Davide Rampello e il designer Fabio Novembre sul tema della memoria.

Quale filo unisce passato e presente del design?

Andrea Maragno e Sonia Tasca, designer e docenti SID, hanno raccontato la loro esperienza di professionisti in continuo contatto con imprese e studenti. Giovanna Castiglioni ha invece giocato con la curiosità del pubblico e con i progetti di design più iconici del padre Achille Castiglioni.
Grazie al supporto delle immagini e degli oggetti presenti sul palco, i tre protagonisti del talk show hanno dato vita ad un simpatico e interessante ping-pong sul passato, sul presente e sul futuro del design.

Dagli oggetti senza tempo di Castiglioni ai progetti più provocatori di JoeVelluto, passando attraverso l’esaltazione del design anonimo e la critica allo stilismo, affiora dalla discussione un solido filo conduttore che unisce il disegno industriale di tutti i tempi, un filo sottile ma indelebile, che si nutre della curiosità dell’uomo.

Fabio Novembre: «Come il design guarda oltre»

A Fabio Novembre è assegnato il compito di raccontare il tema della memoria attraverso il linguaggio del design. Grazie al suo blog ionoi.it, Novembre esercita la sua passione per la ricerca e per il cortocircuito visivo mettendo a confronto mondi e linguaggi del presente e del passato, mischiando il design con l’arte, la grafica, la fotografia, la musica, il cinema, la quotidianità, e tracciando connessioni, evidenziando simpatie, sperimentando sottili provocazioni.

Il design è un’arte che si tramanda da maestro ad allievo, è un esercizio di memoria, ricerca, cultura, interpretazione, istinto, linguaggio. Fare design, progettare, è guardare avanti, guardare oltre, ma per guardare oltre la banalità dobbiamo salire sulle spalle di giganti, quei giganti del passato dai quali attingere a piene mani per rendere più vero e più profondo il significato del progetto contemporaneo.


JoeVelluto studio, Studio Museo Achille Castiglioni, Studio Novembre. Tre diverse interpretazioni del design italiano, tre punti di vista accomunati da un unico comune denominatore: la passione.


Autore: Alessandro Barison
Immagini: Padova Vintage Festival su Instagram




Vai alla notizia | Link to this news

16 set 2014 Maison&Objet 2014, le tendenze dell'interior a Parigi

Maison&Objet 2014, le tendenze dell'interior a Parigi

Gli spunti dalla settimana del design svolta dal 6 al 13 settembre

PARIS, FRANCE.  Settembre, un mese ricco di settimane dedicate al design in alcune delle più importanti città europee. Abbiamo fatto per ognuna di esse la nostra selezione fotografica.


  • Helsinki Design Week (4-14 settembre)
  • Paris Design Week (6-13 settembre)
  • London Design Week (13-21 settembre)
  • Bratislava Design Week (22-28 settembre)
  • Brussels Design September (1-30 settembre)
  • Vienna Design Week (26 settembre - 5 ottobre)

Al Maison&Objet emerge una visione del passato riletto in chiave futura, alla ricerca di un equilibrio di contrasti tra materiali, colori e linee (ma anche tra designer affermati ed emergenti).

Altro tema comune per gli oltre 3000 espositori dell’edizione parigina autunnale del Maison&Objet è la condivisione, in particolare sfruttando il digitale.
E allora condividiamo con voi alcune immagini dalla Paris Design Week 2014.


Indice delle immagini:
  1. Logo
  2. Suspension Bell per Normann Copenhagen
  3. Service Tank di Tom Dixon (Londra)
  4. Tom Dixon alla Fiera
  5. Sgabelli Sfera di Eleanor Pritchard (Londra)
  6. Rain Bottle installation di Nendo (Giappone)
  7. 4th Dimension di 22 Design Studio (Taiwan)
  8. Tavolino e Howdy Owl di StokkeAustad e Andreas Engesvik (Norvegia)
  9. Dallo stand di Stringdesign (Svezia)
  10. Stand di Hem, nuovo brand di Fad e One Nordic (Svezia)
  11. Credenza Pandora di Wewood (Portogallo)
  12. Stand di Crash Baggage (Italia)
  13. Lunaire di Ferréol Babin per FontanaArte (Italia)
Fonte: Pinterest



Vai alla notizia | Link to this news

19 giu 2014 Alice e Deborah: SID è per chi vuol mettersi alla prova

Alice e Deborah: SID è per chi vuol mettersi alla prova

Intervista doppia esclusiva alle diplomate più meritevoli del 2014

PADOVA.  Due tra i 45 diplomati SID dell’ultimo anno di studi hanno ricevuto i premi riservati agli studenti più meritevoli del Master in Design Creativo.




Si tratta di Alice Pellizzon e di Deborah Xausa. Le abbiamo intervistate per tracciare con loro un bilancio dei 3 anni di studi in SID... e i loro sogni per il futuro!







Know more:



Vai alla notizia | Link to this news

13 mag 2014 Kengo Kuma: Materiali naturali per l'Olimpiade 2020

Kengo Kuma: Materiali naturali per l'Olimpiade 2020

L’architetto protagonista di una lectio magistralis a Verona

VERONA.  Kengo Kuma e la sua Lectio Magistralis “Power of Place” a Verona organizzata da Veronafiere tra le attività culturali legate a Marmomacc.



Kengo Kuma è un architetto giapponese molto legato alla trasformazione creativa e poetica dei materiali.

Le sue opere in pietra sono espressione di un dialogo: da un parte il paesaggio e le sue linee, dall’altra l’uomo, la sua economia e la sua tradizione. Il filo comune porta i nomi di rispetto, conoscenza, territorialità e passione. Nel suo intervento, Kuma si è soffermato soprattutto sul suo rapporto con la pietra come materiale.

Qual è il suo rapporto con la pietra?
Questo tipo di materiale è in grado di trasmettere un senso di calore, non solo strutturale, ma anche umano. Quando scelgo la pietra, intendo trasmettere il mio sentimento di relazione e unione con gli altri, attraverso l’impiego di un materiale che profonda calore, come è appunto in grado di fare la pietra naturale.

In Giappone collaborerà alle strutture della prossima Olimpiade 2020: con quale idea progettuale?
Sono stato interpellato per iniziare a lavorare su alcuni progetti, per i quali prevedo un utilizzo il più ampio possibile di materiali naturali. C’è un motivo. Alle Olimpiadi di Tokyo nel 1964, Kenzo Tange fece largo impiego del calcestruzzo: a quell’epoca il Giappone viveva un periodo molto florido, di espansione economica, mentre ora viviamo tempi di crisi, siamo in una situazione totalmente opposta.

Ecco perché io mi voglio “allontanare” dall’elemento cemento e utilizzare materiali assolutamente naturali, per fare in modo che il visitatore delle Olimpiadi riesca a cogliere a pieno lo spirito del Giappone in questo particolare momento storico.

Un richiamo alla cultura e tradizione del suo Paese?
In Giappone stiamo assistendo a una tendenza verso il passato e verso l’utilizzo di materiali naturali e propri del territorio. Personalmente ho un forte legame con la pietra, ne ho fatto ampio utilizzo nelle mie opere: sono solito utilizzare quella ricavata dai distretti in cui viene coltivata, solo così riesco a creare il giusto equilibrio tra il costruito e l’esistente.



Vai alla notizia | Link to this news

8 mag 2014 I maggiori designer italiani di oggi si raccontano

I maggiori designer italiani di oggi si raccontano

Le speciali interviste realizzate durante il Salone del Mobile 2014

MILANO.  Una preziosa iniziativa degli organizzatori del Salone del Mobile: un’intervista ai più prestigiosi designer della scena italiana contemporanea.



La questione del ricambio generazionale, la globalizzazione, i nuovi trend del design: una sequenza di interventi dai progettisti più affermati ai giovani emergenti.
(cliccando su “PLAYLIST” in alto a sinistra del video, potete scorrere rapidamente da un’intervista all’altra)




Non occorrono altre parole, qui sopra potete seguire le interviste a (nell’ordine):
  1. Luca Nichetto
  2. Donata Paruccini
  3. Aldo Cibic
  4. Giovanni Levanti
  5. Lorenzo Damiani
  6. Carlo Contin
  7. Paolo Ulian
  8. Giulio Iacchetti
  9. Fabio Novembre
  10. Silvana Angeletti & Daniele Ruzza
  11. Gabriele Pezzini
  12. Paolo Rizzatto
  13. Antonia Astori
  14. Odoardo Fioravanti
  15. Ivano Vianello
  16. Antonio Citterio
  17. Rodolfo Dordoni
  18. Ferruccio Laviani
  19. Piero Lissoni
  20. Nicola De Ponti
Siete d’accordo con le loro affermazioni?



Vai alla notizia | Link to this news

7 mag 2014 Un design a 360°... ma anche oltre!

Un design a 360°... ma anche oltre!

BEST OF DESIGN WEEK 2014: zona Tortona

MILANO.  Ultimo report dalla Design Week 2014: ecco cosa rimarrà maggiormente impresso di zona Tortona. E voi, siete d’accordo o avete altre cose da proporre?



Leggi anche:

TORTONA COME CROCE E DELIZIA: PERCHÉ?

Zona Tortona è un contenitore non solo di design a tutto tondo, ma anche di moda, arte, creatività. Tortona è certamente la zona più conosciuta del Fuorisalone. Oltre ad un gran numero di visitatori, ammassati sulle scale del ponte sulla ferrovia, questa condizione di celebrità porta a concentrare molte realtà espositive interessanti e di spessore, ma anche una moltitudine di inutilità.

ECOMMERCE. DESIGN INDEX. PIANOFORTI.

Le location Superstudio restano i nodi nevralgici di Zona Tortona, anche se nel complesso perdono un po’ di incisività rispetto alle passate edizioni. Da segnalare tra gli spazi espositivi di Superstudio la presenza del progetto design di Ebay, non particolarmente riuscito nell’allestimento, ma di sicuro interesse dal punto di vista strategico. Nei capannoni ex Ansaldo è protagonista un’interessante rassegna di progetti selezionati per il Design Index di ADI.

Tra i grandi marchi presenti in Zona Tortona da segnalare Peugeot e il suo progetto Onyx, caratterizzato dall’utilizzo di fibre di carbonio con materiali molto contrastanti tra loro, dal legno alla pietra lavica. Di particolare impatto in particolare l’allestimento del pianoforte Peugeot, da brividi.

MODA. ELETTRODOMESTICI. ARREDAMENTO.

La location giapponese Tokyo Imagine è fortemente caratterizzata dalle sensazioni sottili di arte e moda, mentre l’esposizione Samsung Flows a palazzo Zegna incuriosisce con la forza solida degli esplosi reali di elettrodomestici di consumo. Tra le location più affascinanti e curate da segnalare Moooi, che sottolinea la poetica dei suoi oggetti d’arredo con allestimenti delicati e grafiche coinvolgenti.




Testo e immagini: Alessandro Barison



Vai alla notizia | Link to this news

6 mag 2014 Tanti generi e linguaggi per il design dell’oggetto

Tanti generi e linguaggi per il design dell’oggetto

BEST OF DESIGN WEEK 2014: zona Ventura Lambrate

MILANO.  Con la penna di Alessandro Barison, continuiamo il viaggio tra le maggiori aree della Design Week milanese 2014. È il turno di Ventura Lambrate e dei suoi prodotti.



Leggi anche:


LE TANTE FORME DI UN UNICO PROTAGONISTA

Se a Brera il protagonista è principalmente il marchio, a Ventura Lambrate lo è l’oggetto, in molteplici modi. Dalle piccole aziende agli artisti, dai giovani designer agli artigiani, dai makers al 3D printing on demand, a Ventura Lambrate le parole d’ordine sono sperimentazione, individualità, collaborazione.

Attraverso autoproduzioni e piccole serie, Ventura Lambrate si riempie di innumerevoli oggetti, non sempre semplici da codificare, evidenziare, raccontare. Un caos organizzato, fatto di grande coerenza nella proposta generale e nell’organizzazione, ma anche di grande confusione di generi e di linguaggi espressivi.

VETRINA DI SCUOLE E DI ITALIA

Ventura Lambrate è anche il palcoscenico prediletto dalle scuole europee di arte e design per esprimere nuove sperimentazioni, nuove percezioni, possibilmente nuovi talenti.

Da segnalare infine la cura espositiva del Padiglione Italia con la ricerca “disfunzione mediterranea” focalizzata in particolare sull’errore quale elemento di plusvalore dell’oggetto.




Testo e immagini: Alessandro Barison



Vai alla notizia | Link to this news

5 mag 2014 Nella tana del design e del branding

Nella tana del design e del branding

BEST OF DESIGN WEEK 2014: zona Brera

MILANO.  La città di Milano durante la design week si trasforma in un grande contenitore di creatività e in una grande occasione di visibilità. Come insegna l’intricato mondo del web, essere su internet non significa automaticamente essere visti, ed essere visti non significa automaticamente interessare a qualcuno.



Leggi anche:

ESSERE NOTATI, ESSERE INTERESSANTI?

Milano durante la design week è come la rete internet, è brulicante di connessioni, individui, storie. Individuare le cose più interessanti non è facile, disturbati da un rumore di fondo che confonde le idee, un rumore fatto di ingenuità e malizia, di oggetti inutili e di oggetti ammiccanti, di oggetti travestiti da design.
I tre gruppi di location più importanti del Fuorisalone milanese sono Brera, Tortona e Ventura, ognuna con una propria personalità.

UNA ZONA PER DISTINGUERSI

La zona Brera è prima di tutto la zona delle showroom dei più importanti marchi di arredo e design. Vetrine tirate a lucido, allestimenti speciali per la design week, eventi esclusivi, zona Brera è un grande campionario di flagship stores e di operazioni di branding.

In Brera a parlare sono i marchi, che emanano la loro forza alla ricerca di empatia con visitatori, progettisti, rivenditori, clienti. I brand dell’arredo e del design si misurano tra loro e si sfidano, alla ricerca della massima distintività.

6 SEGNALAZIONI 6

  1. Via Brera è anche l’indirizzo dell’Appartamento Lago, casa base delle numerosissime attività del brand Lago in questo Fuorisalone 2014, tra le quali i community table, zone di free coworking dislocate nelle zone calde della design week.

  2. Tra le location più interessanti di zona Brera spicca Palazzo Clerici, con una selezione di espositori molto raffinata, in particolare Formafantasma.

  3. Il brand automobilistico Lexus propone l’esposizione Design amazing con un opera luminosa di Fabio Novembre, con un opera dinamica creata da un gruppo di ricerca del MIT statunitense e con Nao Tamura che emoziona con un opera ispirata a Calder.

  4. Interessante anche la ricerca spaziale e grafica di Nendo per il fashion brand COS.

  5. Tra le esposizioni più rilevanti nelle zone adiacenti a Brera da segnalare la ricerca sempre arguta di proposte interessati da parte dello spazio Rossana Orlandi e la nuova esperienza nel furniture da parte del fashion brand Hermes, che nella spettacolare cornice di Palazzo Serbelloni propone con Michele De Lucchi i suoi nuovi oggetti per il contract di lusso.

  6. Nasce anche un nuovo piccolo distretto, denominato Le 5 Vie, caratterizzato soprattutto dalla valorizzazione del quartiere attraverso collaborazioni tra commercianti, marchi del design, designer. Qui l’allestimento senza dubbio più curioso e chiassoso è quello di Martin Baas al Garage Sanremo, circense e spiazzante.




Testo e foto: Alessandro Barison



Vai alla notizia | Link to this news

SID PILLS è una testata giornalistica web iscritta al n. 2299 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova in data 31 maggio 2012.